storie

Una ragazza di campagna

Quando ero una giovane studentessa universitaria e un’altrettanto giovane aspirante scrittrice, mi vergognavo a dire agli altri che provenivo da un piccolo paese di campagna.

Vivevo male lo snobismo di chi si reputava migliore di me solo perché in vita sua non si era mai sporcato le mani e le scarpe e viaggiava tra i piani alti della metafisica.

Cercavo di mimetizzarmi, di fare in modo che le mie radici non emergessero dalla terra da cui provenivo. Nonostante questi ambienti mi affascinassero e mi accogliessero, non mi sentivo mai perfettamente a mio agio, né completamente parte integrante.

Una sensazione analoga mi è capitata quando ho lavorato in contesti molto artificiali, dove tutto era finto, asettico, strategico: in alcuni momenti la tensione era così alta che sognavo solamente di scappare da quegli uffici, strapparmi di dosso quegli abiti scomodi e formali, prendere una vecchia bicicletta e pedalare a perdifiato tra i campi di meglia (dentro di me dicevo meglia non mais) come facevo da bambina.
Sentire il vento fra i capelli, mangiare qualche moscerino, prendere di nascosto una pannocchia e farne una bambola, intrecciando le sue foglie per farne un abito e usando la barba come capelli.

Il solo pensiero mi restituiva serenità.

Una seconda cosa che mi faceva impazzire in quegli anni da donna currens era la completa mancanza di una connessione tra le mie azioni e il ritmo naturale della terra: le giornate scorrevano frenetiche, tutte uguali, ignorando stagioni e ritmi naturali, costringendomi ad una continua spinta sull’acceleratore.
Che fuori sbocciasse la primavera, sussurrasse l’autunno o esplodesse l’estate i ritmi dell’ufficio erano sempre gli stessi e a me mancavano sempre di più le mie radici.

Chi cresce in campagna sa che la vita è scandita da riti e momenti che hanno tempi ben precisi: c’è il tempo giusto per seminare, quello per raccogliere e ringraziare, infine quello in cui ci si deve riposare. Se guardi la terra e armonizzi i tuoi ritmi ai suoi, saprai che stai facendo bene: come cresce bene una pianta puoi crescere rigoglioso anche tu.

Sono riti millenari che, la religione pagana prima e quella cristiana poi, continuano a raccontare e trasmettere.

Da quando ho iniziato ad insegnare, ogni mattina, per raggiungere il posto di lavoro, percorro strade che attraversano la campagna che ci circonda e ho iniziato ad osservarla giorno dopo giorno: respirava lentamente nelle nebbiose mattinate di novembre, riposava silenziosa in inverno, rinasceva in primavera e cresceva in estate fino a quando le piante di mais quasi toccavano il cielo.

E così mi sto accorgendo di stare bene qui e di trovarmi nel posto giusto.

❤️ Io amo scrivere ✍️ e amo la campagna 🌾

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...